Biografia
15301
page-template-default,page,page-id-15301,bridge-core-2.4.7,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-23.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.0,vc_responsive

Biografia

Anna Maria Sannino

Nata a Cannobio sul Lago Maggiore il 12 maggio del 1946, ma siciliana d’adozione e di temperamento. Ha fatto gli studi classici ed ha conseguito la laurea in Architettura a Palermo nel 1970. Fin dall’infanzia ha sempre dipinto da autodidatta; da adulta, trasferitasi nel Veneto per dedicarsi all’ insegnamento ed alla professione libera, ha seguito per tre anni corsi di pittura e grafica presso l’atelier del pittore iugoslavo Igor Lecic, figura rappresentativa della pittura mitteleuropea, affinando così le proprie potenzialità e dedicandosi da allora principalmente alla tecnica dell’acquerello, … “tecnica che necessita di una nervosa sicurezza e che acquista una sua lievitata trasparenza nel racconto delicato delle proprie trame..”. (Aldo Gerbino da”La vernice” Venezia – Gennaio ’83) Nel 1982 presenta le sue opere nella prima personale a Palermo presso il Centro d’arte “Il Capitello” e successivamente nello stesso anno a San Donà di Piave (Venezia) presso la Galleria d’arte “Il segno”. Da allora partecipa attivamente alla vita artistica nazionale aderendo alle numerose manifestazioni a cui viene invitata, riscuotendo premi, targhe e riconoscimenti della critica. Partecipa in Italia ed all’estero a personali, collettive, convegni dietro invito e con il patrocinio di Enti, Associazioni Culturali ed Assessorati. Illustra riviste e libri di poesie in collaborazione con poeti anche dialettali (Lina La Mattina, Pietro Manzella, ecc..) Negli anni si dedica sempre più ad affinare nuove tecniche come le chine grezze e le litografie successivamente acquerellate, nonché opere ad acrilico su tela e ad olio, anche a spatola. Nelle mostre degli ultimi anni espone il risultato di una profonda ricerca interiore (anche attraverso i numerosi viaggi in Oriente) e di scelte (non sempre facili ma sempre altamente motivate ) di una vita pregnante di significati.